Home > Archivio > 09 - 2007 > Rosmini sacerdote, filosofo, uomo del suo tempo
ANTONIO ROSMINI BEATO
tratto dal n. 09 - 2007

BIOGRAFIA

Rosmini sacerdote, filosofo, uomo del suo tempo



di Gianni Cardinale


1797
24 marzo
Antonio Rosmini Serbati nasce a Rovereto da Modesto e Giovanna dei Conti Formenti di Biacesa sul Garda
25 marzo
Viene battezzato nella festa di Maria Vergine Annunziata dall’Angelo

1804–1808
Frequenta la Civica scuola popolare di Rovereto

1808–1812
Frequenta la scuola di latinità

1812–1814
Frequenta il ginnasio di Rovereto: risale a quest’epoca il Diario personale nel quale compaiono le prime annotazioni attestanti la chiamata a seguire il Signore più da vicino

1814–1816
Biennio di studi privati di filosofia, matematica e fisica sotto la guida del prete roveretano Pietro Orsi

1816
22 novembre
Rosmini si iscrive all’Università di Padova per gli studi teologici; alle lezioni di Diritto canonico fa conoscenza e amicizia con Niccolò Tommaseo

1821
21 aprile
Consacrazione sacerdotale

1823
settembre
Nella chiesa di San Marco in Rovereto tiene il Panegirico alla santa e gloriosa memoria di Pio VII

1826
Pubblica il saggio Sulla divina Provvidenza nel governo dei beni e dei mali temporali
marzo
Soggiorna a Milano dove stringe amicizia con il conte Giacomo Mellerio e Alessandro Manzoni

1828
20 febbraio
Inizia la Quaresima in solitudine al Monte Calvario di Domodossola e scrive le Costituzioni dell’Istituto della Carità

1829
15 maggio
Viene ricevuto in udienza da papa Pio VIII, il quale gli conferma la sua duplice missione di scrittore di libri e di fondatore

1830
A Roma pubblica le Massime di perfezione cristiana

1832–1833
Scrive Delle cinque piaghe della santa Chiesa (pubblicato nel 1846)

1838
20 dicembre
Papa Gregorio XVI approva la regola dell’Istituto della Carità

1839
Scrive la Filosofia della politica e pubblica il Trattato della coscienza morale che suscita una dura reazione polemica di alcuni gesuiti

1841–1845
Elabora la Filosofia del diritto

1843
Gregorio XVI interviene imponendo il “decreto di silenzio” ai rosminiani e agli avversari

1845
Pubblica la Teodicea

1846
Pubblica il saggio Delle cinque piaghe della santa Chiesa.

1848
Scrive i Progetti di Costituzione per lo Stato Pontificio
agosto
A Roma il papa Pio IX lo accoglie amichevolmente e lo invita a prepararsi al cardinalato. In novembre accompagna il Papa durante la fuga e l’esilio a Gaeta

1849
aprile
Pio IX esorta Rosmini a riflettere sulle sue opere «per modificarle o correggerle o ritrattarle»
giugno
Vengono messe all’Indice le opere Delle cinque piaghe della santa Chiesa e La Costituzione civile secondo la giustizia sociale

1850
aprile
Viene inviato al Papa il Memoriale, con le tesi incriminate, firmato da una ventina di vescovi

1851
Il Papa sottopone tutte le rimanenti opere di Rosmini all’esame della Congregazione generale dell’Indice

1854
3 luglio
Sentenza di piena assoluzione pronunciata dalla Congregazione generale dell’Indice

1855
1° luglio
Antonio Rosmini muore a Stresa alle prime ore del giorno dedicato al Preziosissimo Sangue, di cui era molto devoto





La lunga strada verso gli altari

1855: Antonio Rosmini muore a 58 anni.
1882: primo tentativo di introdurre la causa di beatificazione. Non ha successo, anche perché si viene a sapere che l’allora Sant’Uffizio stava esaminando le opere di Rosmini.
1887: decreto Post obitum del Sant’Uffizio che condanna quaranta proposizioni tratte da opere di Rosmini.
1928: secondo tentativo di introdurre la causa, senza successo.
1947, 1962, 1965, 1972: ulteriori tentativi di introdurre la causa, tutti senza successo.
1994: non obstat della Congregazione delle Cause dei santi. Finalmente può iniziare la causa di beatificazione. Anche se manca ancora il via libera definitivo della Congregazione per la Dottrina della fede (Cdf).
1998: si conclude la fase diocesana del processo di beatificazione.
2001: L’Osservatore Romano pubblica una Nota della Cdf che afferma: «Si possono attualmente considerare ormai superati i motivi di preoccupazione e di difficoltà dottrinali e prudenziali che avevano determinato la promulgazione del decreto Post obitum». La Congregazione delle Cause dei santi rilascia quindi il nihil obstat definitivo per il proseguimento della causa.
2006: il Papa autorizza la pubblicazione del decreto riguardante le virtù eroiche del servo di Dio Rosmini.
2007: il Papa autorizza la pubblicazione del decreto riguardante un miracolo attribuito all’intercessione del venerabile Rosmini; cerimonia di beatificazione di Rosmini a Novara, presieduta dal cardinale José Saraiva Martins, prefetto della Congregazione delle Cause dei santi.


Español English Français Deutsch Português